I 3 migliori distorsori per chitarra… a meno di 100 €

Come da titolo, in questo articolo affronteremo uno degli argomenti più vasti e dibattuti dell’intero panorama musicale: la distorsione.

Sì, perché la ricerca e la scelta del proprio sound sono  componenti fondamentali e, in genere, la distorsione è l’effetto principale di un chitarrista rock (ma non solo) e, chiunque abbia preso in mano almeno una volta nella vita una chitarra elettrica, si è posto la seguente domanda: qual è il miglior distorsore per chitarra?

La domanda è semplicissima e naturale, purtroppo la risposta non lo è altrettanto per almeno 3 motivi principali.

#1. Stiamo parlando di musica, di arte e, per definizione, non possiamo parlare di verità assolute, essendo troppo coinvolta la componente soggettiva e il gusto personale.

“…parlare di musica è come ballare di architettura!”

Frank Zappa

Chiaramente non ha senso!

Cercheremo di ovviare a ciò mettendo un link di ascolto del pedale alla fine della descrizione di ognuno di essi. In modo che ciascuno di voi si possa fare un’idea personale del prodotto.

#2. Per poter dire che stiamo parlando del miglior distorsore in assoluto, è necessario aver provato ogni singolo modello mai prodotto. Cosa chiaramente impossibile.

Ci tengo a precisare, ad ogni modo, che abbiamo testato varie centinaia di pedali presenti sul mercato, senza contare un’infinità di artigianali; ciò credo che dia un minimo di autorità e credibilità alle parole che scriverò in seguito.

#3. Il sound di un determinato effetto è influenzato da molti fattori: il modello della chitarra, dell’amplificatore, il tipo dei pick up, se si suona al manico o al ponte, ecc.

Dal canto mio posso dire di aver fatto test con quasi tutte le combinazioni di alcune tra le principali marche di chitarre (Fender, gibson, Ibanez, LTD) e amplificatori valvolari (ORANGE, MESA,VOX E MARSHALL).

Ricordatevi inoltre che stiamo parlando di prodotti economici, i migliori a meno di 100€, ed è ovvio che a fasce di prezzo maggiori esistano prodotti migliori ma, se volete acquistare un auto e avete a disposizione un budget di 20.000 €, è chiaro che vi verrà proposta una Wolkswagen e non una Ferrari, anche se, quest’ultima, è sicuramente migliore sotto tutti i punti di vista (a parte il prezzo appunto 😉 )

Ad ogni modo, fatte queste doverose premesse, quelle che seguono sono sì opinioni personali, ma derivanti da anni di esperienza, condivise da molti chitarristi in tutto il mondo e che vi aiuteranno, senza dubbio, nella scelta di una distorsione che faccia al caso vostro risparmiando un sacco di denaro e di tempo che, altrimenti, dovreste investire in ricerche.

Hey un secondo, prima di proseguire voglio farti qualche domanda. Hai un gruppo? Fai fatica a organizzare concerti? Vuoi aumentare drasticamente le tue capacità di fissare date per la tua band? Se la risposta è “SI” per tutt’e tre le domande, sei nel posto giusto… Scarica subito gratuitamente la guida con 11 strategie per riuscire a suonare nei locali.

Cosa aspetti? E’ gratis!

Ma entriamo nel vivo del discorso e vediamo quali sono le 3 migliori distorsioni per chitarra a meno di 100 €.

NB: i pedali non verranno presentati in ordine di qualità. Non è una classifica!

MXR DISTORTION +

SCHEDA TECNICA

  • Marca: Dunlop Manifacturing
  • Tipologia: Analogico
  • Paese di fabbricazione: USA
  • Tipo circuiti: germanio
  • Alimentazione: 9 volt, anche a batteria
  • Peso: 450 g
  • Dimensioni: 14 x 6,4 x 11,4 cm

DESCRIZIONE

La cosa fantastica di questo pedale è la sua semplicità; ha due soli potenziometri: output e distortion.

L’Output serve a regolare il volume di uscita del pedale, il Distortion, serve appunto a regolare la quantità di distorsione che il pedale aggiunge al suono di base…

Semplice no!? Il più semplice tra i migliori distorsori a meno di 100 €

La regolazione giusta tra i due genera molte più sfumature di quanto si possa pensare passando da un crunch piuttosto pulito ad un fuzz bello tosto.

E’ dotato del classico led rosso posto sopra lo switch di accensione/spegnimento ad indicare l’attivazione o meno del pedale e, come tutti i prodotti MXR, è estremamente robusto.

IL SOUND

Avete presente i Black Sabbath?

Beh, quello è il suono, anche se è piuttosto riduttivo ridurre tutto ad un’unica band, considerata la grande versatilità dell’MXR Distorion +. Ad ogni modo, il paragone è inevitabile dato che tra i pedali dello storico chitarrista, Randy Rhoads, figurava proprio una prima versione di questo fantastico ed economicissimo distorsore.

Si tratta di un suono che rimane sempre ben definito e pieno, ma anche acidulo e versatile adatto sia al blues che all’hard rock, sia alle ritmiche che ai soli; risponde perfettamente alle dinamiche e, agli alti livelli di distorsione, ha un sostegno davvero tosto.

Ecco un video del canale jimdunlopusa in cui si capisce bene ciò che intendo…

CONCLUSIONI

Si tratta probabilmente del pedale che utilizzo di più e, sicuramente, di uno dei miei preferiti, anche tra quelli di fascia alta in mio possesso. L’MXR Distortion + ha preso con arroganza un posto fondamentale nel sound della mia band e se decidete di prenderlo farà lo stesso nella vostra.

E’ incredibile in quanti modi riesco ad utilizzarlo, e quante sonorità possano venir fuori da un oggetto così essenziale, sia da solo che abbinato ad altri pedali (chorus, delay, reverb, whammy, ecc)… dico sul serio: difficilmente potrei farne a meno!

Irrinunciabile!

DARK MATTER

  • Marca: Tc Electronic
  • Tipologia: Analogico
  • Paese di fabbricazione: Danimarca
  • Alimentazione: 9 volt, anche a batteria
  • Peso: 231 g
  • Dimensioni: 12,7 x 7,6 x 10,2 cm

DESCRIZIONE

Si tratta del più economico ma anche il più “complesso” dei 3 pedali. E’ dotato, infatti, di 4 potenziometri: Gain, Level, Bass, Treble.

Il Gain, chiaramente, consente di regolare il livello di distorsione del pedale; Level permette di impostare il volume in uscita; Bass e Treble consentono di settare i toni dell’effetto, rispettivamente bassi e alti.

Fino a qui nulla di strano, la cosa a mio parere veramente interessante, che permette di “incicciottire” il suono, è lo switch Voice che lavora come una sorta di Booster per i bassi.

Il Dark Matter è solido e compatto, il più piccolo e leggero dei tre, cosa che non guasta quando lo spazio nella pedaliera è scarso.

IL SOUND

Parliamo, anche in questo caso, di un pedale estremamente versatile; con il Gain si passa da un leggerissimo crunch ad una distorsione hard rock molto limpida e precisa grazie anche ad un ottimo controllo dei toni.

Aggressivo e frizzante risponde perfettamente alla dinamica con cui si suona.

Questa incredibile flessibilità e precisione lo fanno entrare di prepotenza tra i 3 migliori distorsori a meno di 100 €.

Ecco un video di SRguitar che mostra in maniera molto precisa tutti i vari settaggi di questo gioiellino.

CONCLUSIONI

Davvero impressionante e, se suoni rock, in mezzo alla tua catena in qualche modo ce lo devi infilare per forza! Il prezzo, come avrete modo di controllare cliccando qui sotto, è veramente incredibile per ciò che ha da offrire. Per tutti questi motivi non posso che consigliarlo con tutto il mio entusiasmo…

Indispensabile!

BIG MUFF V9

SCHEDA TECNICA

  • Marca: Electro-harmonix
  • Tipologia: Analogico
  • Paese di fabbricazione: USA
  • Alimentazione: 9 volt, anche a batteria
  • Peso: 885 g
  • Dimensioni: 21,8 x 15 x 9,9 cm

DESCRIZIONE

Poteva mancare il mitico Big Muff, la leggenda, tra i migliori distorsori a meno di 100 €?

Saranno in molti quelli che diranno che poteva assolutamente mancare 🙂

Infatti, si è sempre fatto un gran parlare di questo pedale fin dalla sua uscita e non sempre in maniera positiva. Ma il Big Muff v9 è così: O lo ami o lo odi… difficile trovare una via di mezzo!

Ne esistono circa un miliardo di versioni e, per molti, non regge il confronto con i suoi predecessori e, probabilmente, almeno a livello tecnico, questo è vero. Ma è un pedale arrogante e con una personalità forte e inconfondibile.

E’ dotato di 3 potenziometri: Volume, Tone e Sustain.

Come suggeriscono i nomi: il primo serve ad aumentare o diminuire la quantità di segnale; il secondo serve a tagliare le frequenze (alte se impostato al minimo, basse se al massimo); il sustain, chiaramente, aumenta o diminuisce la durata della nota suonata.

IL SOUND

Il Big Muff v9 è una bestia! Di sicuro non potete aspettarvi il suono più limpido sul mercato, al contrario… è marcio, profondamente marcio, ma nel senso più meraviglioso del termine!

Se settiamo i toni al minimo si intoppano le orecchie, se li mettiamo al massimo diventa una friggitrice. Con il sustain al massimo il suono va avanti fino alla fine dei tempi. Le combinazioni sono veramente una marea.

E’ estremamente potente e pieno, principalmente adatto a generi abbastanza energici (sconsigliato ai bluesman e ai deboli di cuore 😉 )

Vi lascio ad un video di Dawson Music dove potete godervelo e farvi un’idea.

CONCLUSIONI

Ho lasciato una parte del mio cuore su questo pedale, probabilmente per il fatto che con esso ho registrato gran parte del mio primo album. Ritengo che sia un must have per qualunque chitarrista rock. Di sicuro uno dei migliori pedali a meno di 100 € che si possano avere. Assolutamente indispensabile per chiunque adori sperimentare e spingersi oltre… Troppo divertente!

Se abbinato ad un bel reverb è assolutamente perfetto per gli assoli quelli tosti, ma è assurdo anche sui riff.

Attenzione! Non è un pedale che si lascia domare facilmente…

Estremo!


Sono sicuro che tra questi 3 distorsori a meno di 100 € ci sia quello che fa al caso tuo, si tratta infatti di tre prodotti molto diversi che abbracciano un po’ tutti gli stili e, soprattutto, in tre fanno il prezzo di uno!

Nella musica – ma se vogliamo nell’arte in generale – non è assolutamente necessario utilizzare prodotti super costosi per generare opere di alta qualità. Basti pensare che Jack White ha utilizzato una chitarra da 30 dollari dei grandi magazzini per registrare alcuni dei suoi brani più famosi.

E questo è solo uno delle migliaia di esempi che confermano quanto appena detto.

Ad ogni modo, sperimentate e divertitevi!

E tu cosa ne pensi? Scrivi pure nei commenti e Stay Rock!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *