Come iscriversi alla SIAE – La guida definitiva

È inevitabile, volenti o nolenti, nella carriera di un musicista trovarsi di fronte a questa istituzione. Al di là delle polemiche che potrebbero scaturire da questo delicato argomento, la SIAE (Società Italiana Autori ed Editori), in Italia, è una realtà potente e, anche se le cose stanno cambiando, ancora invalicabile.

Di fatto, come si deduce direttamente dal suo sito, essa detiene il monopolio sulla tutela dei diritti d’autore: 

”In Italia, l’attività di intermediazione è riservata dalla legge alla SIAE in via esclusiva” [font. sito SIAE]

Non mi dilungherò oltre sull’argomento, se volete saperne di più su diritti d’autore e royalties, vi invito a leggere questo articolo in cui ne parlo. 

Di seguito troverete una guida passo passo per iscrivervi alla SIAE ed al suo portale online, il tutto dal vostro PC; avrò un occhio di riguardo per la compilazione del modello 112, ovvero il modulo di deposito delle opere, da allegare alla vostra prima iscrizione.

Un altro piccolo appunto prima di iniziare: la guida è corredata da parecchie immagini; se tali immagini dovessero risultare troppo piccole e, quindi, difficili da comprendere, cliccateci sopra con il tasto destro e, sul menù che si apre, cliccate su “Apri immagine in un’altra scheda”

Ad ogni modo, bando alle ciance, prendetevi tempo e abbiate pazienza, si parte!

ISCRIZIONE ALLA SIAE ONLINE

La prima cosa che dovrete fare è collegarvi al sito www.siae.it 

Nella pagina principale cliccate sul pulsante “TUTELA UN’OPERA” posto sotto la barra di ricerca (quella con la lente accanto).

L’immagine sotto potrebbe non essere la stessa che vi troverete di fronte, venendo questa pagina modificata piuttosto di frequente, ad ogni modo il tasto da individuare rimane sempre lo stesso. 

Pagina iniziale 10-11-16.jpg

Cliccate ora sul tasto azzurro posto al centro della pagina che si è appena aperta: “ISCRIVITI ALLA SIAE” .

Scorrete nella nuova pagina fino alla scritta blu “on line” e cliccateci.

Iscriversi on line.jpg

Cliccate ora sul tasto azzurro con la scritta “INIZIA” poi su “RICHIEDI ISCRIZIONE”.

Inserite ora la vostra mail principale e mettete la spunta sul tipo di iscrizione che intendete fare: associato o mandato.

In pratica, come associati, uno dei principali diritti di cui potrete godere, sarebbe quello di prendere parte alle votazioni della società; ma, considerando che, la tariffa annua come associato è quasi il 250% superiore a quella come mandante (152€ contro 61€) e il beneficio che ne trarrete è praticamente nullo, consiglio vivamente di iscrivervi alla SIAE come mandante, spuntando la casella di destra posta sotto la scritta “Dai mandato alla SIAE”.

“Avanti”…

Compilate la pagina successiva con i vostri nome, cognome, cellulare e titolo di studio, tenendo presente che, in tutti i moduli, i campi con l’asterisco sono obbligatori gli altri facoltativi.

“Avanti”…


Nome.jpg

Inserite ora i vostri dati anagrafici: data di nascita, nazione e comune di nascita, codice fiscale, cittadinanza e sesso.

Non spuntate la casella accanto alla scritta “Dichiaro di essere esente dalla quota associativo o di mandato in quanto invalido”, a meno che, ovviamente,  siate affetti da un qualunque tipo di invalidità civile; invalidità che dovrà poi essere necessariamente provata presentando alla società tutti i documenti del caso. 

“Avanti”…

Compilate il nuovo form con: nazione e comune di residenza, indirizzo, civico e CAP.

Anche se il vostro indirizzo di residenza dovesse, come nella maggior parte dei casi, coincidere con il vostro domicilio, non vi basterà spuntare la casella accanto alla scritta “Utilizza questo indirizzo anche come domicilio” ma dovrete necessariamente compilare la parte sottostante con i dati immessi sopra. 

Infatti, almeno nel mio caso, semplicemente spuntando tale casella, mi veniva impedito di proseguire oltre.

Se, invece, il vostro attuale domicilio non corrisponde alla vostra residenza, ovviamente, inserite i dati relativi ad esso. 

“Avanti”…

Nella pagina seguente dovrete segnalare se siete già stati iscritti alla SIAE come associato o mandante (se siete qui probabilmente dovrete selezionare “No”) e spuntare la casella accanto alla scritta “Attualmente tutelato da altra società” solo se siete iscritti ad un qualunque altro ente che al momento della vostra iscrizione si occupa di tutelare i vostri diritti d’autore, anche in questo caso molto probabilmente la vostra risposta sarà “no”, quindi non spuntate nulla.

“Avanti”…

Pregresso.jpg

Per quel che riguarda il tipo di iscrizione: selezionate nella sezione “Musica” se siete, delle opere che intendete tutelare, “Autori della parte letteraria” (creatori dei testi), “Compositori” (creatori della musica) o entrambe le cose.

Se non siete musicisti, individuate la sezione che fa al caso vostro e specificate il vostro ruolo nella creazione dell’opera. 

“Avanti”…

Tipo iscrizione.jpg

Scegliete ora dove volete che vengano versati i diritti derivanti dall’utilizzo delle vostre opere, ovvero il motivo per cui avete deciso di iscrivervi alla SIAE: conto corrente bancario, carta prepagata o bonifico postale. Nell’ultimo caso, tutte le spese derivanti dalle operazioni di trasferimento del denaro, saranno a vostro carico.

Dal mio canto, consiglio il versamento su conto corrente bancario.

Se optate per questo, oltre a tutti i dati della vostra banca, dovrete individuare ed inserire anche il codice BIC/SWIFT. Se non lo conoscete, potete trovarlo contattando la vostra filiale oppure, ancora più rapidamente, collegandovi a questo link.

Nella pagina che si apre, inserite:

  • Institution Name, il nome del vostro istituto di credito, ad esempio: Unicredit S.p.a.;
  • City, ovvero la città in cui si trova la banca;
  • Country, lo stato;
  • Challenge response, cioè il codice di verifica scritto sopra.

A questo punto, cliccate su “search”. Subito sotto al tasto apparirà una tabella nella cui prima colonna, potete trovare il codice BIC da copiare ed incollare dove richiesto.

Cliccate ora su “Calcola compenso” per passare ad una pagina di riepilogo.

Cliccate su “Paga”.

Potete decidere se pagare con Paypal o con carta di credito.

Se avete meno di 30 anni dovrete pagare solo l’imposta di bollo, che ammonta a 32€ e, fino al compimento di tale età, non dovrete versare alcun contributo annuo, altrimenti le tariffe sono quelle nella tabella qui sotto.

Tabella tariffe SIAE.jpg

Compilate i moduli di pagamento e confermate.

DOCUMENTI DA SPEDIRE

FATTURA E MODELLO 484

A questo punto vi troverete in una pagina da cui dovrete stampare la fattura e il modello 484 che vedete nell’immagine qui sotto. 

Dove vedete “xxxxx”, troverete un riepilogo di tutti i dati da voi immessi in fase di iscrizione.

Una volta stampato, dovrete mettere, come potete vedere nell’immagine qui sotto, una “x” sotto la scritta “autore della parte letteraria” e una sotto la scritta “compositore”, entrambe poste nel riquadro denominato “Conferisce Mandato alla SIAE in qualità di:”.

Firmate nei punti indicati (FIRMA 1 e FIRMA 2).  

mod 484.1.jpg

Nella pagina successiva, troverete un ulteriore riepilogo, comprensivo dei vostri dati bancari.

Firmate anche questo foglio dove indicato (FIRMA 3 e FIRMA 4).

mod 484.2.jpg

I due fogli successivi riguardano l’informativa sul trattamento dei dati personali.

Firmate, dove segnalato, l’ultimo foglio indicando anche il luogo. 

FOTOCOPIE DOCUMENTI D’IDENTITA’

Allegate una fotocopia di un vostro documento valido (patente, carta d’identità, ecc) e del codice fiscale.

MODELLO 112

Il modello 112 serve per depositare le vostre opere negli archivi della siae, in modo che vi vengano riconosciuti i diritti su di essi. 

Ogni brano richiede un modello. Se, ad esempio, volete depositare 10 brani, dovrete compilare 10 moduli.

Tale documento lo potete stampare da questo link. Sono il primo e il secondo alla voce “modulistica per la divisione musica”. Il primo è statico, ovvero dovrete stamparlo e compilarlo a penna, il secondo dinamico, lo potrete, quindi, compilare con la tastiera del computer e poi stamparlo. Vedete voi quello che preferite. 

Potete richiedere il mod. 112 anche nella sede SIAE più vicina a casa vostra.

Se, come nel mio caso, avete depositato precedentemente un’opera come coautori di una persona già iscritta, dovrete semplicemente fotocopiare i fogli riassuntivi che vi sono stati consegnati nel momento in cui li avete registrati. In essi troverete il titolo del brano, i nomi degli autori e il numero di repertorio assegnato a ciascuna composizione.

Se avete smarrito tali fogli, sarà sufficiente che, l’associato assieme al quale avete iscritto l’opera, recuperi i numeri di repertorio. Scrivete quindi un foglio da allegare a tutti gli altri documenti, in cui elencate i titoli dei brani e i numeri. 

Nel caso in cui fosse la prima volta che iscrivete dei brani seguite la guida che vi propongo di seguito.

GUIDA AL MODELLO 112 – FOGLIO 1

TITOLO: Nella prima riga inserite il titolo del brano che volete depositare.

TITOLO ALTERNATIVO / BRANO STACCATO: Fa riferimento a brani di musica classica dove frequentemente è presente il titolo alternativo.

TITOLO VERSIONE ORIGINALE / TITOLO ORIGINALE DI PUBBLICO DOMINIO: Se state depositando un’opera esistente in lingua straniera di cui avete fatto una versione italiana, o si tratta di una vostra rivisitazione di un brano di pubblico dominio (il cui autore è, cioè, morto da oltre 70 anni), dovrete scrivere il titolo della versione originale e, nel primo caso, allegare la dichiarazione di espresso consenso all’elaborazione, nel secondo, il modello 150. 

Entrambi sono reperibili nel sito della SIAE a questa pagina, nella sezione “Modulistica per la divisione musica”. Allegateli al modello 112. 

DURATA: Scrivete la durata del brano in ore, minuti e secondi. 

GENERE: Leggero, sinfonico, elettronico, ecc. Se fate rock o qualunque altro genere di intrattenimento dovrete optare per il “Leggero”.

STRUMENTAZIONE: Lasciate pure vuoto questo campo.

ESEMPLARE ALLEGATO: Se state depositando opere di cui siete autori, barrate la voce “manoscritto” (vale anche per opere scritte a computer). Dovrete quindi preoccuparvi di allegare, ad ogni modello 112, il testo e lo spartito. 

Non è necessario depositare l’intera tablatura per ogni strumento, è sufficiente il motivo principale, di solito si trascrive per intero la linea vocale (la melodia della voce). 

Se non sapete come scrivere le partiture, avvaletevi di amici in grado di farlo o contattate professori o maestri di musica; non è difficile trovare persone che possono farlo per voi, preparatevi però a tirare fuori qualche euro. 

Se fate da soli vi consiglio di utilizzare guitar Pro 7, grazie ad esso potrete scrivere ed ascoltare immediatamente quanto composto, in modo da trovare e correggere eventuali errori. Potrete inoltre esportare gli spartiti in Pdf. 

Ora stampateli ed allegateli al modello 112 insieme ai testi, anch’essi stampati.

Delle opere di musica elettronica non è necessario scrivere gli spartiti ma è sufficiente allegare le registrazioni spuntando la casella “registrazione su supporto”.

“Stampato editoriale” si riferisce ai documenti a cura dell’eventuale editore.

PROVENTI DI RIPRODUZIONE MECCANICA: A cura del sub-editore solo per opere di origine non italiana. Lasciate bianco.

AMBITO DI TUTELA: Se lasciate bianco questo campo, il brano sarà tutelato in tutto il mondo.

DICHIARAZIONE DI SOSTITUZIONE DI BOLLETTINI PRECEDENTI: Potrebbe capitare, se il brano fosse già depositato, e si renda necessario porre delle modifiche al modello 112 precedente, che si debba compilare anche questo campo, inserendo titolo e numero di repertorio del brano oggetto di modifica.

Ciò si può verificare, ad esempio, se subentra un editore non presente all’epoca della prima iscrizione, se la SIAE richiede la sostituzione del titolo per casi di omonimia tra autori, per variazioni nelle percentuali spettanti agli autori, ecc.

AUTORI:

Le sigle stanno per

  • CO → Compositori, coloro che hanno preso parte alla creazione della parte musicale dell’opera in oggetto;
  • EL → Elaboratori della parte musicale, da compilare per le sole opere di pubblico dominio, ovvero se si tratta di una rivisitazione di un brano il cui autore è morto da oltre 70 anni;
  • AO → Autori delle parole originali, coloro che hanno composto il testo;
  • SA → Adattatori del testo, questo campo è riservato a coloro che hanno preso parte a rielaborazioni di  brani che in origine erano in lingua straniera, quindi rifatti in italiano, o per quelli pubblica utilità di cui avete modificato il testo;
  • EO → Editori originali, inserite i nomi degli editori;
  • SE → Sub-editori, da compilare per le sole opere di origine straniera.

Comunque potete trovare questa legenda in fondo alla pagina 1 del modello 112. 

Molto probabilmente, se siete una band, e fate brani originali (vostri brani), i soli campi che vi interessano sono CO e AO. 

Compilate i campi inserendo:

  • Nomi completi e firme (vanno bene anche gli pseudonimi o i nomi d’arte se sono stati correttamente depositati alla SIAE) di coloro che hanno preso parte all’opera, ognuno nella riga corrispondente al proprio contributo ad essa;
  • Quota DEM (Diritti Esecuzione Musicale), ovvero la suddivisione dei proventi derivanti dalla pubblica esecuzione delle opere (concerti, performance televisive e radiofoniche, ecc.)
  • Quote DRM (Diritti di Riproduzione Meccanica), cioè la divisione dei proventi generati dai diritti di riproduzione dell’opera su supporti fisici (CD e DVD).

Le quote dovranno essere riportate secondo gli accordi presi tra le parti, ma sempre rispettando le quote minime che potete trovare sulla tabella nel foglio 3 del modello 112. 

Ad esempio: se siete 4 compositori e non ci sono editori, le quote DEM potrebbero essere 6/24 ciascuno, mentre le DRM il 25%.

Ad ogni modo, non potrà essere attribuita una quota inferiore ad 1/ 3 della massima assegnata agli altri per la stessa qualifica. Ad esempio: se siete 4 autori e ad uno vengono attribuiti i 12/24, ad ognuno degli altri non possono essere attribuiti meno di 4/24.

Comunque, ovviamente,la somma delle quote deve necessariamente essere 24/24 per i DEM e 100% per i DRM.

Se si ha un editore, è necessario cedere a quest’ultimo una parte dei diritti, compilando la parte dedicata all’EO. Come già accennato, nel caso in cui subentri quando l’opera è già stata depositata, è necessario mandare alla SIAE un nuovo modello 112, con i dati aggiornati. 

Le quote per gli editori non possono essere superiori ai 12/24 per i DEM e al 50%per i DRM.

Anche i non iscritti dovranno compilare questa parte indicando il nominativo e le quote. Al fine di garantire anche a questi ultimi i diritti, è necessario allegare ai documenti, la Dichiarazione Liberatoria (MUS-DOC-DL-01) – di cui parleremo più avanti – anch’essa reperibile a questa pagina alla voce “Modulistica per la divisione musica”. 

Tecnicamente, però, i diritti dei non iscritti rimangono “dormienti” nelle casse della SIAE per tre anni. È necessario anche per loro effettuare l’iscrizione entro questo termine per evitare di vedere perduti quelli maturati.

Le firme sono necessarie per i soli iscritti.

Ovviamente se, al momento in cui compilate il modello 112, nessuno di voi fosse iscritto a SIAE o siete i soli autori e vi state iscrivendo per la prima volta, non avrete ancora il numero di posizione, quindi, non dovrete inserirlo.

Mod 112 foglio 1.jpg

GUIDA AL MODELLO 112 – FOGLIO 2

Mod 112 foglio 2.jpg

In questo foglio dovrete inserire il titolo del brano e la partitura, ovviamente non intera (difficilmente ci starebbe) ma, in genere, si usa tutta o una parte di quella della linea vocale.

Dovrete comunque allegare il testo e il resto delle partiture che vi interessano, in fogli separati, insieme ai nominativi, posti in cima ad ogni foglio, di coloro che hanno preso parte all’opera.

Come già detto, non è necessario mettere gli spartiti di ogni parte di ogni strumento, ma sono sufficienti le più caratterizzanti.

Ripeto, se non avete mai scritto musica, trovate qualcuno che lo faccia per voi, un professore del conservatorio, un insegnante, un amico…

Se volete fare da soli consiglio di utilizzare guitar Pro 7.

GUIDA AL MODELLO 112 – FOGLIO 3

Mod 112 foglio 3.jpg

Nel foglio 3 del modello 112, sono indicate le quote DEM e DRM minime, altre indicazioni sulle quote e avvertenze generali per la compilazione del modello.

GUIDA AL MODELLO 112 – FOGLIO 4

Nell’ultima pagina dovrà essere inserito il titolo e i nomi di tutti coloro che hanno partecipato all’opera (gli iscritti possono anche scrivere il proprio numero di posizione). 

Mod 112 foglio 4.jpg

Se vi presentate fisicamente ad uno sportello SIAE, questo foglio vi verrà subito restituito con impresso il numero di repertorio assegnato al brano e la data; se invece, spedite tutto il materiale, vi verrà rispedito i giorni successivi alla presa in carico dei documenti da parte degli uffici competenti. 

Inserite quindi in questo foglio anche il vostro indirizzo nell’apposito spazio.

Questo foglio attesta solo l’avvenuta ricezione del modello 112 da parte della SIAE; è riservato, infatti, alla società il successivo controllo dei documenti al fine di individuare irregolarità e richiederne la correzione, prima di convalidare il deposito dell’opera.

DICHIARAZIONE LIBERATORIA (se assieme ad autori e/o compositori iscritti sono presenti anche dei non iscritti)

Con questo foglio, gli iscritti alla SIAE, dichiarano che, anche coloro che vi vengono indicati, seppur non ancora iscritti, sono autori del brano in oggetto. 

Dichiarazione liberatoria.jpg

Ammettiamo che foste in due a depositare il brano e uno solo di voi fosse iscritto: per fare in modo che anche il non iscritto venga riconosciuto come co-autore, è necessario compilare questo foglio ed allegarlo al modello 112 e a tutto il resto della documentazione.

Dovrete quindi redigere una dichiarazione liberatoria per ogni brano che depositate in questo modo:

  • TITOLO: Inserite il titolo completo del brano;
  • COMPOSITORI / AUTORI / EDITORI: Inserire i nominativi dei soli iscritti con accanto il numero di posizione SIAE;
  • NOMINATIVO DEI COMPOSITORI E AUTORI NON ASSOCIATI, NÉ MANDANTI, NÉ ALTRIMENTI RAPPRESENTATI DALLA SIAE: Scrivete i nomi dei non associati co-autori del brano;
  • BENEFICIARIO ASSOCIATO O MANDANTE SIAE AL QUALE ATTRIBUIRE I DIRITTI DEL NON ASSOCIATO: Anche se gli associati fossero due o più, in questa sezione, sono sufficienti il nome e la firma di uno soltanto;
  • SPAZIO RISERVATO AI SOLI DICHIARANTI ASSOCIATI O MANDANTI SIAE: Inserite qui il nome e la firma di tutti gli associati che hanno preso parte all’opera.

Terminate inserendo luogo e data nell’apposito spazio in basso.

RIEPILOGO DOCUMENTI ED INDIRIZZO DI INVIO

#01. Stampa della fattura di attestazione di avvenuto pagamento.

#02. Modello 484

#03. Fotocopia fronte/retro documento

#04. Fotocopia fronte/retro codice fiscale

#05. Modello 112. Se avete depositato precedentemente brani assieme ad un altro associato, saranno sufficienti le fotocopie dei fogli di riepilogo di tali composizioni (quelli con num. repertorio, data e autori) oppure potete scrivere i dati dei brani in un foglio che dovrete poi allegare.

#06. DICHIARAZIONE LIBERATORIA (solo se assieme ad autori iscritti ce ne sono di non iscritti alla SIAE)

Inviate tutto tramite raccomandata con ricevuta di ritorno (costo 7€ circa) a:

Servizio associati e mandanti, urp e fondo di solidarietà, viale della letteratura, 30, 00144 roma

Per informazioni e assistenza chiamate numero 0659905100.

Attendete infine una mail dalla siae con in oggetto la seguente dicitura: “Iscrizione online – Istruttoria Favorevole”. In questa mail vi verrà fornito il vostro numero di posizione siae ed altri dati. I tempi di arrivo di questa mail sono di circa 15/20 giorni.

Ora, se vorrete, potrete iscrivervi anche al portale online della SIAE. Da qui potrete avere resoconti sul vostro attuale stato finanziario e molte altre informazioni, semplicemente accedendo al sito dal vostro browser, senza bisogno di chiamare o recarvi in una sede della società.

ISCRIZIONE AL PORTALE ONLINE

Per effettuare la registrazione ai servizi online dovete connettervi al sito www.siae.it, cliccare in alto a destra sulla scritta accedi/registrati e andare poi su registrazione, a sinistra (vedi immagine).

Iscrizione ai servizi online.jpg

Cliccate infine su associato/mandante e seguite tutta la procedura immettendo i vostri dati. 

Associato-mandante.jpg

Molto probabilmente, come è capitato a me, quando inserirete il vostro codice fiscale, comparirà un messaggio che vi informa che tale codice è già presente negli archivi (ma dai, ci siamo appena iscritti, suppongo sia normale che sia negli archivi! Boh) e l’iscrizione si bloccherà. 

Non so per quale motivo insorga questo problema ma, dopo aver verificato che capiti anche a voi, seguite le istruzioni seguenti per risolverlo e completare l’iscrizione ai servizi online della SIAE.

COME OTTENERE I DATI DI ACCESSO AL PORTALE 

Sarà necessario creare un ticket di assistenza e, per farlo, dovrete tornare nella home, cliccare nuovamente in alto a destra su “accedi/registrati” e, nella pagina che si apre, cliccate su “assistenza”.

Richiedere assistenza 1.jpg

Ora, nella nuova pagina,  premete sul secondo riquadro dall’alto della colonna di destra (vedi immagine)…

Richiedere assistenza 2.jpg

…Poi sulla linguetta con scritto “richiesta via web”

Richiedere assistenza 3.jpg

…Ora, nella sezione assistenza generica, cliccate sul tasto “prosegui”.

Richiedere assistenza 4.jpg

Compilate la sezione “Richiedente” della pagina di assistenza, con i vostri dati; alla voce “Argomento” selezionate il sesto della lista: “Registrazione ai servizi online”; copiate, nel form per l’inserimento della domanda, il seguente testo, facendo attenzione ad inserire tra le parentesi quadre il vostro numero di posizione SIAE: 

“Ho già un account, chiedo che mi vengano fornite le credenziali di accesso. Il mio numero di posizione è [vostro numero di posizione]. Allego foto di un documento di identità valido perchè mi vengano assegnati tali dati. Grazie.”

Allegate quindi foto di un vostro documento di identità: fatela con il cellulare, mettetela nel vostro PC e caricatela da esso.

Inserite il codice di sicurezza (la scritta rossa che ovviamente da voi non sarà la stessa che vedete in questa immagine) nell’apposito spazio a fianco e cliccate sul tasto “Invia”.

Richiedere assistenza 5.jpg

Attendete qualche giorno la risposta che sarà composta di due mail: una con il nome utente e l’altra con la password. 

MODIFICA PASSWORD

Per completare la vostra iscrizione ai servizi online della SIAE dovrete modificare la password che vi è stata fornita.

Tornate, quindi, nella home del sito (www.siae.it) e cliccate di nuovo in alto a destra su “accedi/registrati”

Inserite, nei due form appositi, i dati che vi sono appena stati forniti.

Vi ritroverete nella seguente pagina di cambio password: dovrete inserire quella che vi è stata inviata nel primo riquadro e quella che desiderate utilizzare nei due seguenti. Cliccate su “Conferma”.

cambio password.jpg

Se avete seguito tutti i passi sarete inviati nella pagina di conferma.

Premete su “clicca qui” ed effettuate l’accesso con il vostro nome utente e la password appena modificata.

Conferma cambio password.jpg

PORTALE AUTORI ED EDITORI

Accedete al portale autori ed editori. Vi verrà richiesto, prima di proseguire, di scaricare e leggere le “Condizioni generali di accesso e utilizzo del portale”. Fatelo. Mettete poi la spunta su “Ho letto e accetto questi termini e condizioni”. Cliccate, quindi, su “Accetto”.

Condizioni generali di utilizzo.jpg

La vostra iscrizione ai servizi online della SIAE è terminata, ora potrete, direttamente dal vostro computer: accedere alle comunicazioni della SIAE; consultare il vostro estratto conto; richiedere i bollettini; modificare i vostri dati; gestire i pagamenti; ecc…

Se avete seguito passo passo questa guida, ora siete iscritti alla SIAE e, ogni anno, vi verranno accreditati gli importi maturati. Ovviamente più un vostro brano viene utilizzato, maggiori saranno gli introiti derivanti da ciò. Parliamo di cifre piuttosto basse all’inizio, ma sono comunque soddisfazioni!

Non dimenticate di compilare i borderò inserendo tutti i vostri brani depositati quando andate a suonare… se suonate spesso, alla fine dell’anno potrebbero esserci delle piacevoli sorprese sul vostro conto.

A proposito di concerti… vuoi aumentare drasticamente il numero di live che fai con la tua band? Se la risposta è “SI”, sei nel posto giusto… Scarica subito gratuitamente la guida con 11 strategie per riuscire a suonare nei locali.

Se hai domande scrivi pure nei commneti e Stay Rock!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *